La sonda solare Parker baciante il sole della NASA solleva il velo sulla nostra stella più vicina



sta iniziando a rinunciare ad alcuni dei suoi segreti più strettamente custoditi.

I primi risultati scientifici provengono dalla NASA (PSP), che è volata più velocemente e più vicino al sole di qualsiasi altro oggetto creato dall'uomo nella storia.

I ritorni iniziali di PSP, che sono riportati in quattro articoli pubblicati online oggi (4 dicembre) sulla rivista Nature, iniziano a sollevare il velo sulla stella terrestre, che è rimasta sorprendentemente misteriosa nonostante sia per sempre la luce più brillante nel nostro cielo.

"Questi quattro articoli mostrano che, entrando in una regione inesplorata del sistema solare, la PSP ha già fatto grandi scoperte", ha scritto Daniel Verscharen, ricercatore presso il Mullard Space Science Laboratory presso l'University College di Londra Views "pezzo nello stesso numero di Nature. Verscharen non è stato coinvolto in nessuno dei nuovi studi.

Baciare il sole

La missione di 1,5 miliardi di dollari per aiutare i ricercatori a comprendere meglio il funzionamento interno del sole.

Gli scienziati della missione sono particolarmente interessati a risolvere due enigmi di vecchia data: come il flusso di particelle che scorre continuamente dal sole, noto come il vento solare, viene accelerato alle sue incredibili velocità; e perché è l'atmosfera o la corona esterna del sole. (Le temperature della corona possono superare i 2 milioni di gradi Fahrenheit, o 1,1 milioni di gradi Celsius. La superficie solare è decisamente temperata al confronto, a 11.000 F o 6.000 C.)

La PSP sta affrontando queste domande sfondando sfacciatamente in se stessa. Una volta ogni cinque mesi circa, la sonda ingrandisce l'atmosfera sfrigolante del sole, ottenendo da vicino una stella senza precedenti.

Questi approcci più vicini, o passaggi del perielio, hanno portato la PSP entro 15 milioni di miglia (24 milioni di chilometri) dalla superficie solare fino ad oggi. Prima di questa missione, la più vicina che una sonda avesse mai raggiunto al sole era di 26,55 milioni di miglia (42,73 milioni di km), un'impresa lanciata nel 1976 dall'imbarcazione Helios 2, uno sforzo congiunto degli Stati Uniti e dell'ex Germania occidentale.

Helios 2 ha anche stabilito il record per la velocità più veloce rispetto al sole, a 24.4.960 km / h. Questo segno è stato rotto dall'orbita Juno Jupiter della NASA, che ha raggiunto i 165.000 mph (265.000 km / h) durante il suo arrivo al colosso del gas nel luglio 2016. Ma la PSP è ora il re della velocità: Durante il primo passaggio del perielio della navicella spaziale, a novembre. 6, 2018, la potente gravità del sole ha accelerato la PSP a (343.181 km / h).

Le condizioni nella corona sono estreme, ovviamente, quindi la PSP è dotata di un'armatura pesante: uno scudo composito di carbonio spesso 4,5 pollici (11,4 centimetri), che protegge il velivolo e i suoi quattro strumenti scientifici dal caldo intenso e radiazione.

Tali strumenti sono Fields Experiment (Fields), che misura tra l'altro campi e onde elettriche e magnetiche; la ricerca scientifica integrata del sole (ISoIS), che sta caratterizzando gli elettroni, i protoni e gli ioni pesanti che sono accelerati ad alte velocità nell'atmosfera del sole e oltre; l'imager a campo largo per sonda solare (WISPR), una serie di telescopi che raffigurano la corona e i dintorni; e l'indagine Alpha Wind Electrons Alpha e Protoni (SWEAP), che sta studiando i componenti più abbondanti in (elettroni, protoni e ioni elio).

I quattro nuovi articoli riportano ciò che questi strumenti hanno osservato durante i primi due passaggi del perielio della PSP, avvenuti a novembre 2018 e aprile 2019.

Traccia il vento solare "lento" alla sua fonte

, ad esempio, ha scoperto che Fields sta iniziando a trasferire la merce sul "lento" vento solare, un componente del flusso che non supera mai circa 1,1 milioni di mph (1,8 milioni di km / h). "Lento" è un termine relativo qui; il vento solare "veloce" si blocca a circa il doppio di quella velocità.

Gli scienziati sapevano già che il veloce vento solare ha origine in grandi "buchi" coronali – punti in cui l'atmosfera esterna è considerevolmente più fredda e più sottile del normale – vicino ai poli del sole. E i dati di Fields suggeriscono che il vento lento proviene anche da buchi coronali, ma da quelli più piccoli vicino all'equatore solare.

I campi osservarono anche sorprendenti inversioni nel campo magnetico solare che scorreva oltre l'astronave: il campo a volte ribaltava il suo orientamento di 180 gradi e poi, in pochi secondi o minuti, tornava indietro.

"Questi cambiamenti sono probabilmente associati a una sorta di getti al plasma", ha detto in una nota l'autore principale dello studio e investigatore principale di Fields Stuart Bale, professore di fisica all'Università della California, Berkeley. "La mia sensazione è che questi tornanti, o getti, siano fondamentali per il problema del riscaldamento del vento solare."

, nel frattempo, indicano che tali inversioni stanno "viaggiando curve a forma di S nelle linee di campo provenienti dal sole", come diceva Verscharen, e che i ribaltamenti aumentano la velocità del vento solare.

aiuta a dare forma a questo quadro emergente. I dati dello strumento mostrano che occorrono particelle energetiche solari più a lungo del previsto per raggiungere la PSP, forse perché stanno viaggiando lungo le sorprendenti linee di campo a forma di S.

E il WISPR sta dando agli scienziati un quadro più chiaro del sole, della corona e della complessa regione in ebollizione che circonda immediatamente la nostra stella. Le immagini di WISPR aiutano a mettere le informazioni raccolte dagli altri strumenti in un contesto adeguato e forniscono anche approfondimenti a sé stanti.

Ad esempio, i rapporti, le foto WISPR forniscono alcune prove di una zona priva di polvere vicino al sole, che è stata postulata ma non ancora rilevata direttamente. "Le immagini dettagliate della PSP mostrano anche variazioni spaziali nel vento solare che sono coerenti con le variazioni del campo magnetico del sole sulla sua superficie e rivelano piccole particelle di plasma che vengono espulse dal sole e fanno parte del giovane vento solare, ”Ha scritto Verscharen.

Il meglio deve ancora venire

La risposta del vento solare è parziale al momento, e non è ancora chiaro come esattamente la corona sia riscaldata in modo così drammatico. Ma il team PSP ha molto tempo per riempire gli spazi vuoti, poiché questi risultati appena pubblicati sono solo l'inizio. La navicella spaziale è progettata per continuare a studiare il sole fino al 2025 e i suoi passaggi perielici continueranno ad avvicinarsi sempre di più, grazie ai flybys di scultura di traiettoria di.

L'orbita scientifica finale della PSP, ad esempio, la porterà entro appena 3,83 milioni di miglia (6,16 milioni di km) dalla superficie solare e presenterà velocità massime di circa 430.000 mph (690.000 km / h).

E questi futuri approcci ravvicinati diventeranno più frequenti, perché il percorso della PSP intorno al sole si restringerà. Il periodo orbitale della sonda è attualmente di circa 150 giorni terrestri, ma saranno 88 giorni alla fine della missione.

La durata di tale missione consentirà al team PSP di studiare il sole in diverse fasi del suo ciclo di attività di 11 anni. Quindi, la navicella spaziale che bacia il sole dovrebbe raccogliere un sacco di dati interessanti che tengono impegnati i ricercatori per molto tempo a venire.

"Si prevede che i dati PSP guideranno la nostra comprensione del sole e del vento solare per molti anni", ha scritto Verscharen. "Nuovi modelli e teorie saranno motivati ​​dalle scoperte del veicolo spaziale e questa conoscenza sarà trasferibile ad altre stelle e plasmi astrofisici in tutto l'universo."

Copyright 2019 , un'azienda futura. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.