In che modo le persone di Oglala Lakota resistono a condizioni meteorologiche estreme



I residenti della riserva indiana Pine Ridge nel South Dakota non sono estranei a condizioni meteorologiche estreme. Ogni inverno porta e le temperature primaverili possono scendere.

Ma a marzo 2019, questa regione ha visto un nuovo estremo: un'enorme tempesta di neve immediatamente seguita da un rapido scioglimento che ha provocato. Secondo Chase Iron Eyes, un portavoce del (il governo tribale di Pine Ridge), "Quasi ogni torrente o fiume si inondava a un certo livello".

L'alluvione primaverile ha messo in luce sia l'importanza della preparazione per condizioni meteorologiche estreme sia la necessità di strategie di recupero efficaci. Le persone che vivono nella riserva sono profondamente consapevoli di come lo stato attuale delle cose li renda vulnerabili agli eventi meteorologici. Stanno lavorando per ridurre il potenziale per i futuri disastri di causare ancora più danni aumentando l'accesso al cibo coltivato localmente, sostenendo un sostegno statale sufficiente e, sebbene possa sembrare meno rilevante, rivitalizzare la lingua del Lakota.

Innanzitutto, devi capire un po 'della prenotazione indiana di Pine Ridge. La riserva, che è più grande del Delaware e del Rhode Island messi insieme, è composta da diverse piccole comunità che sono in "modalità di disastro costante" a causa della povertà diffusa, alloggi limitati e problemi di salute, secondo Iron Eyes. Più che residenti riservati vivono in condizioni di povertà, spesso in case sovraffollate, e l'insicurezza alimentare lo è. "La nostra comunità è già finanziariamente vulnerabile, quindi quando un disastro colpisce, sconvolge ancora di più l'intero equilibrio". Le persone di Oglala Lakota sono state costrette a trovare modi per affrontare le difficoltà prima, e questa ripresa delle inondazioni (e il cambiamento climatico in senso più ampio) è nessuna differenza.

Uno dei problemi più immediati è la sicurezza alimentare. La Contea di Oglala Lakota ha recentemente ottenuto un indice nell'indice ambientale alimentare della classifica sanitaria della Contea, il che significa che è molto improbabile che i residenti possano permettersi e accedere costantemente a cibi sani. lo sa bene, come direttore esecutivo della Thunder Valley Community Development Corporation (TVCDC), un'organizzazione no profit a guida indigena focalizzata sul miglioramento delle condizioni della riserva indiana di Pine Ridge. I mezzi sono cresciuti nella prenotazione e ora vivono a Rapid City, a S. Dak., Il centro urbano più vicino, a più di 90 miglia dal quartier generale tribale.

Means afferma che il "99 percento" del cibo disponibile sulla prenotazione viene spedito da altrove o che le persone arrivano fino a Rapid City solo per acquistare cibo. A causa della posizione rurale della prenotazione, i residenti di Pine Ridge sono sempre stati vulnerabili alle interruzioni quando i viaggi sono difficili. Anche durante un inverno medio, può impedire al cibo di raggiungere i residenti affamati che non possono semplicemente raggiungere un negozio di alimentari nelle vicinanze.

Ma il diluvio di questa primavera è stato più grande ed estremo di quanto chiunque possa ricordare. “Qualcosa sta sicuramente succedendo. Le persone che hanno vissuto qui per tutta la vita non hanno mai visto White Clay Creek allagarsi a questo livello ”, afferma Iron Eyes, riferendosi a un torrente tipicamente calmo nella parte occidentale della riserva.

Molti veicoli governativi tribali furono danneggiati durante la tempesta storica, rendendo difficile o impossibile fornire aiuti durante l'enorme riserva. Molti residenti vivono in case accessibili solo da strade sterrate, che richiedono veicoli pesanti in caso di maltempo. In risposta, i membri della comunità hanno condiviso il cibo per garantire che le persone isolate da strade slavate avessero ancora abbastanza da mangiare, secondo Ernest Weston Jr., un residente di Pine Ridge che lavora anche per TVCDC.

L'indipendenza alimentare può creare o distruggere la capacità di una comunità di prosperare dopo un disastro. Ad esempio, prima dell'uragano Maria, proprio come Pine Ridge. Quando è arrivato l'uragano, la normale catena di approvvigionamento è stata interrotta. Ci sono voluti giorni o più perché gli aiuti arrivassero in alcune comunità. Ora, c'è da procurarsi più cibo dall'isola, riducendo la dipendenza da fonti esterne e la vulnerabilità all'interruzione.

Ecco perché TVCDC ha implementato diversi progetti che mirano a migliorare l'indipendenza della prenotazione. Combattono da anni costruendo orti comunitari e una fattoria dimostrativa. Oltre alle considerazioni pratiche sull'accesso più facile a cibi sani ea basso costo, Means vede l'indipendenza come uno strumento intrinsecamente prezioso per l'intera comunità. Questi programmi consentono ai residenti di Pine Ridge di produrre cibo.

"L'autosufficienza è un elemento fondamentale di autodeterminazione e vera sovranità", afferma Means. "È difficile esistere in uno stato d'animo liberato quando sembra che le nostre comunità siano sempre in modalità crisi. Ciò è più evidente quando accadono cose del genere ", ha continuato, riferendosi alle inondazioni di marzo.

Detto questo, nessuna sovranità alimentare può eliminare la necessità di aiuti durante una grande tempesta o crisi. Indipendentemente dalle dimensioni del disastro, le risorse del governo possono essere allungate solo finora. I 13 membri della Guardia Nazionale del South Dakota sono venuti a Pine Ridge per distribuire l'acqua questo marzo. Ognuno dei 13 membri della guardia avrebbe bisogno di coprire un'area delle dimensioni di Chicago per servire l'intera prenotazione (che comprende 3.400 miglia quadrate distribuite su nove distretti). L'ufficio del consiglio tribale ha sostenuto che la nazione Oglala Lakota è "economicamente, politicamente e giuridicamente svantaggiata", rendendo difficile la richiesta e la ricezione di assistenza esterna quando necessario.

Ad aprile, Julian Bear Runner, presidente della nazione Oglala Lakota, ha scritto una lettera pubblica al sindaco di San Juan Carmen Yulin Cruz. Lui con Puerto Rico, vista la lentezza con cui entrambi Pine Ridge e Puerto Rico hanno ricevuto aiuti dai loro vicini, scrivendo: "La nostra reciproca situazione ti fa meravigliare: perché il presidente Trump rifiuta di inviare gli aiuti necessari alle povere comunità di colore a seguito di catastrofi naturali ?”

Ma anche quando chiedeva aiuto, la nazione Oglala Lakota mantenne la sua sovranità: i funzionari eletti per perseguire gli aiuti della FEMA separatamente dallo stato del South Dakota. "Cercare questa dichiarazione è un'espressione dello stato sovrano intrinseco della tribù Oglala Sioux", Iron Eyes. Sebbene non sia stato concesso fino a giugno, quest'anno è stata la prima volta che la tribù ha ricevuto una dichiarazione di disastro federale

Mentre l'inverno ricomincia, Pine Ridge ha una lunga strada da percorrere: tra 75 e 100 edifici sono stati danneggiati o distrutti in primavera, spostando circa 100 famiglie e causando danni. Entrambe le organizzazioni senza scopo di lucro come TVCDC e il governo tribale sperano che gli sforzi per rafforzare l'economia e la cultura locale ed esistere maggiormente come un ecosistema autonomo renderanno la comunità più resiliente ai futuri eventi meteorologici, sia per il prossimo inverno che per gli anni a venire.

"C'è un numero immenso di sofferenza per la nostra gente e siamo ancora in grado di sopravvivere", afferma Iron Eyes. “Siamo ancora felici. Le persone sorridono ancora. Abbiamo ancora le nostre cerimonie. Sappiamo che non ci estingueremo mai ”. Parte della ragione di questa forza è il profondo senso di cultura e orgoglio di Pine Ridge. La prenotazione non è solo un posto dove vivere; c'è una ricca storia condivisa, nonostante le avversità esistenti. Un simile senso di comunità ha aiutato le persone in altri luoghi a ritrovarsi dopo disastri, sia naturali che.

Ma uno dei potenziali impatti del cambiamento climatico è: poiché le persone sono costrette a migrare lontano dalle loro comunità di origine, le piccole comunità linguistiche potrebbero passare a lingue più popolari. Le lingue forniscono molto più di un semplice metodo di comunicazione; sono anche fonti di.

Ma ci sono già solo 6.000 persone che parlano fluentemente Lakota, rendendo il Lakota ancora più vulnerabile alla futura perdita di lingua. A Pine Ridge, le comunità stanno stabilendo la lingua e i programmi Lakota. L'obiettivo principale di questi programmi è incoraggiare i giovani a parlare in Lakota, ma insegnano anche tradizioni e filosofia del Lakota. L'unico negozio di alimentari di Pine Ridge ora ha. Adottare queste misure ora potrebbe contribuire a garantire che ci saranno più oratori Lakota alla fine del secolo, non meno.

Sebbene la preparazione sia importante, nei prossimi decenni ci sarà ancora più bisogno di metodi efficaci per riprendersi dal disastro. L'Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) ha pubblicato previsioni di pericolo per ogni stato; nel South Dakota, NOAA prevede che le precipitazioni invernali e primaverili , rendendo le inondazioni primaverili ancora più probabili. Come dovranno cambiare gli attuali modelli di soccorso in caso di calamità nel prossimo decennio o secolo, sia nel Dakota del Sud che a livello globale? Le persone di Oglala Lakota a Pine Ridge sembrano già avere alcune delle risposte: la forza della comunità, sotto forma di cultura, cibo e politica.

Indipendentemente da come va questo inverno, Iron Eyes ha chiarito che non è preoccupato se la comunità si riprenderà dopo un disastro. "La nostra lingua, questa terra e il nostro spirito indomito danno alle persone l'incoraggiamento e l'energia di cui hanno bisogno per andare avanti."